Santo del giorno

san francesco d'assisi pastore e martire

DONAZIONI

Donare all'Associazione Giovanni Paolo II significa aiutarci a realizzare il nostro progetto e i nostri sogni. CLICCA SUL PULSANTE ARANCIONE QUI SOTTO "DONAZIONE"

Se desideri istruzioni o metodi di donazione alternativi fai clic QUI.

 

Grazie

Sicuro con PayPal

APPUNTAMENTI SETTIMANALI, MENSILI E ANNUALI

La nostra Associazione ha degli appuntamenti a cadenza fissa, con lo scopo di coinvolgere ognuno di noi nelle varie attività.

I Nostri Appuntamenti
ASSOCIAZIONE GIOVANNI PAOLO II APPUNTAME[...]
Documento Adobe Acrobat [310.6 KB]

Tesseramento 2019

È iniziato il tesseramento 2019, clicca QUI e scopri come diventare socio della nostra Associazione Giovanni Paolo II!

Calendario 2019

È possibile prenotare il Calendario 2019 dell'associazione " Giovanni Paolo II Onlus"!

CLICCA QUI PER INFORMAZIONI

Queste immagini figurano le rappresentazioni presenti sulle vetrate della "Chiesa della Divina Misericordia" a Bettola (PC)

San Giovanni Paolo II

San Giovanni Paolo II

Suor Faustina Kowalska

San Padre Pio

Beata Madre Speranza

Statua

San Giovanni Paolo II

Donare all'Associazione Giovanni Paolo II significa aiutarci a realizzare il nostro progetto e i nostri sogni. CLICCA SUL PULSANTE ARANCIONE QUI SOTTO "DONAZIONE"

Sicuro con PayPal

Consiglia questa pagina su:

Link utili:

Statistiche

Peregrinatio del Saio delle Stimmate di San Padre Pio

Dal 4 al 6 aprile 2019, la Diocesi di Como ha accolto presso la Parrocchia di San Giuseppe a Como il saio con le stimmate del Santo di Pietrelcina.

La peregrinatio il 10 dicembre 2018, è arrivata nella terra di San Giovanni Paolo II, arrivando nel campo di concentramento di Auschwitz, dove è stato poggiato sulla parete esterna della cella, dove il 4 agosto 1941, morì Massimiliano Kolbe. Successivamente dopo aver fatto tappa in altre località è giunto presso il Santuario della Divina Misericordia a Cracovia accanto al monastero in cui è vissuta Suor Faustina.

Si tratta dell’abito che il Cappuccino indossava il 20 settembre 1918, quando ebbe la visione di «Nostro Signore», nel coro della vecchia Chiesa di San Giovanni Rotondo, che gli disse: «Ti associo alla mia passione», per poi lasciare impresse nel suo corpo le cinque piaghe della crocifissione.

Un evento che ha coinvolto l’intera Diocesi, la messa “d’apertura” celebrata dal Vescovo Oscar il 4 aprile 2019, ma anche la nostra Associazione. Infatti San Pio insieme a San Giovanni Paolo II, Santa Faustina e la Beata Madre Speranza sostengono spiritualmente ogni attività.

In modo particolare, l’Associazione ha partecipato alla Santa Messa di venerdì 5 aprile, celebrata da Padre Luciano Ciotti, uno dei chierichetti presenti al momento della morte del Santo, ora segretario Generale dei Gruppi di Preghiera. Il padre, medico, fu tra i fondatori della Casa Sollievo della Sofferenza.

Dalle parole del Vescovo Oscar:

‹‹Una volta ancora è confermata la verità di questo detto: “Là dove passano i Santi, la gente accorre”. Una reliquia che ci rimanda alla sua persona, al suo ministero, al messaggio che il Signore per mezzo di lui ha voluto offrire ai cristiani e alla Chiesa intera.

Come Mosè nella lettura dell’Esodo, padre Pio fu un grande intercessore presso Dio a vantaggio degli altri. Padre Pio fu “apostolo del confessionale” e verso le persone che ricorrevano a lui esclamava: “Vieni, vieni. Il Signore ti aspetta. Non c’è motivo così grave che ti esclusa dalla sua misericordia”.

Anche Padre Pio ha condiviso la Passione del Signore a causa dei singolari doni che gli furono concessi e le sofferenze interiori e mistiche che li accompagnavano. Ci ha insegnato che la vita profuma quando è offerta in dono, mentre diventa insipida quando è tenuta per sé, giocando sempre sulle difensive…Seguiamo anche noi questa strada per incontrare Gesù che si dono a noi attraverso i suoi amici prediletti: i poveri e gli ammalati, centro dell’attenzione di Dio». 

Stampa Stampa | Mappa del sito Consiglia questa pagina Consiglia questa pagina
© ASSOCIAZIONE GIOVANNI PAOLO SECONDO ONLUS Via Mafalda di Savoia 1 22063 Cantù Codice Fiscale: 03417720137 (*) Alcune immagini potrebbero essere non conformi alle originali per motivi di privacy.